Calderoli indagato, Kyenge accetta le scuse

Il ministro dell'integrazione Cecile Kyenge accetta le scuse del vicepresidente del Senato che l'aveva definita "orango". Intanto la Procura di Bergamo accoglie la denuncia del Codacons e indaga Calderoli per diffamazione aggravata dall’odio razziale