La tragedia di Astori e quelle morti nel calcio senza un perché

Morire a trent’anni come può morire chi si avvicina ad averne cento è una cosa enorme, difficile da accettare. Se poi quel trentenne è un calciatore, apparentemente sano, controllato ogni giorno, lo shock supera ogni comprensione e apre uno squarcio sui timori che non si possa aver fatto abbastanza per scongiurare questa tragedia

Sovracosce di pollo al pesto rosso

Casa di Vita