La lezione di Juncker: l’Europa divisa è più debole