La politica divisa tra barconi e petrolio