Ecco perché quella di Matteo è difesa a titolo personale