Azzurri, ora pensiamo (anche) ai punti deboli