Giochi, suonerie, oroscopi a pagamento sullo smartphone: ecco come disattivarli

Dal 20 gennaio maggiori garanzie per gli utenti e possibilità di disdire anche via sms

Vi è mai capitato di vedere il credito telefonico che diminuisce inspiegabilmente, salvo poi scoprire di aver attivato involontariamente uno dei cosiddetti servizi premium? Parliamo di salvaschermi, suonerie, giochi, loghi, oroscopi, video, musica e tante altre prestazioni a pagamento che arricchiscono le funzionalità dello smartphone. Ma non lo fanno gratis: dai pochi centesimi per un'offerta singola ai 4-5 euro alla settimana per opzioni in abbonamento.

Per qualcuno che aderisce senza averne avuta l'intenzione, ci sono anche tantissimi che scelgono consapevolmente i servizi premium (di cui gli operatori telefonici non sono responsabili, la gestione è di provider esterni), ma che magari vorrebbero tornare indietro dopo averlo fatto.la proceduraEsiste, esattamente come nel caso degli acquisti online, il diritto di ripensamento.

Solo che la merce non si può rispedire indietro, si tratta semplicemente di rinunciare a un servizio. Lo si può fare entro sei ore dal momento in cui è avvenuta l'attivazione, come se si fosse trattato di un periodo di prova, chiamando il proprio operatore telefonico o un apposito numero verde (800.44.22.99). E, dallo scorso 20 gennaio, si potrà ottenere la disattivazione del servizio e il riaccredito di quanto addebitato anche semplicemente inviando, sempre entro sei ore, un Sms con il testo "annulla" al numero indicato nel messaggio di attivazione del servizio premium.

Cosa sono i servizi a sovrapprezzo

I servizi a sovrapprezzo, spesso chiamati Vas (value added services) o servizi premium, sono servizi a pagamento di intrattenimento (giochi, video, musica, etc.) e di informazione (meteo, oroscopo, news, gossip). possono essere acquistati singolarmente con un unico addebito) su credito o conto telefonico) o in abbonamento, mediante addebito settimanale (sempre su credito o conto telefonico). 

Quali servizi vengono forniti

  • ​​​loghi
  • wallpaper (ovvero sfondi per il cellulare)
  • suonerie e videosuonerie
  • screensaver
  • giochi
  • musica
  • film e serie tv
  • chat/community
  • news e servizi informativi
  • voting (sondaggi, test e quiz)
  • aplicazioni
  • video
  • altri contenuti digitali 

Come si attivano

  • navigando dal web
  • cliccando banner pubblicitari sia sa smartphone che da tablet o pc

Per attivare un servizio premium (sia one shot che in abbonamento) è necessaria una doppia azione dell'utente (doppio clic) su due schermate grafiche che compaiono in successione con funzioni diverse.

Il giro di vite

A regolamentare le procedure e ad agevolare la possibilità di rinunciare all'offerta (mettendo così un freno anche alle attivazioni selvagge) è stata l'Agcom, che alla fine dello scorso anno (8 novembre 2019) ha pubblicato una versione aggiornata del Codice di condotta per questo genere di forniture (CASP 4.0). L'Autorità per le garanzie nelle comunicazioni, ad aprile 2019, era già intervenuta con una serie di regole ricomprese appunto nel Codice di condotta, che ha voluto rafforzare e integrare pochi mesi più tardi. Il CASP4.0 è il nuovo codice di autoregolamentazione che contiene una serie di regole di condotta, concordate tra gli operatori telefonici, i fornitori di servizi premium, le associazioni dei consumatori e approvate dall'Autorità, volte ad assicurare:

  • la trasparenza delle procedure d'acquisto dei servizi premium, mediante un miglioramento dei contenuti e delle grafiche delle pagine e l'invio di messaggi informativi all'utente
  • la consapevolezza dell'acquisto dei servizi premium anche tramite l'introduzione del diritto di ripensamento
  • la correttezza e sicurezza della gestione dei dati e degli addebiti
  • l'accesso a uno strumento unico e gratuito per la disattivazione dei servizi premium
  • una procedura unificata dei rimborsi per le attivazioni non volute

Come funziona il diritto di ripensamento

Il diritto di riipensamento è un "periodo di prova" di sei ore dei soli servizi in abbonamento durante il quale l'utente può ottenere la diosattivazione del servizio e il riaccredito di quanto addebitato chiamando il numero verde 800.44.22.99 entro sei ore dalla ricezione del messaggio di attivazione. A partire dal 20 gennaio 2020, l'utente può ottenere la disattivazione del servizio e il riaccredito di quanto addebitato anche inviando, sempre entro 6 ore, un sms con il testo "annulla" al numero indicato nel messaggio di attivazione. In tal caso è opportuno che l'utente conservi tutti gli sms ricevuti e inviati per dimostrare la tempestività della richiesta di ripensamento. Il riaccredito avviene non oltre 24 ore dalla richiesta sul credito e conto telefonico. 

Premium in abbonamento oltre il periodo di ripensamento

Qualora ci sia ccorga tardi dell'attivazione di un servizio non voluto, per disattivare un servizio premium al di fuori del periodo di ripensamento è possibile:

  • chiamare il numero verde 800.44.22.99 direttamente dal numero su cui sono stati attivati i servizi (solo per abbonamenti premium)
  • rivolgersi al call center del proprio operatore telefonico o del fornitore del servizio premium
  • rivolgersi alle associazioni consumatori

L'utente verrà rimborsato integralmente solo qualora la richiesta

  • venga inoltrata entro sei mesi dalla data di acquisto del servizio sincolo o entro 6 mesi dalla data di attivazione per quello in abbonamento 
  • è fondata, mancando la prova della volontarietà dell'acquisto (assenza dei log di acquisto, mancnza del doppio clic o del messaggio di attivazione)

In caso di mancato rimborso l'utente può tutelare i propri interessi utilizzando la piattaforma "Conciliaweb" dell'Autorità per le garanzie nelle comunicazioni per la risoluzione delle controversie tra utenti e operatori di telefonia, Internet e Pay tv. 

La scelta più drastica: prevenire

Per chi vuole adottare misure preventive rispetto al ricorso a un Sms o a una telefonata dopo l'attivazione di un servizio premium, può optare per il cosiddetto "barring" (sbarramento), da richiedere gratuitamente al proprio operatore telefonico: in pratica viene inibita alla propria utenza la possibilità di attivare qualunque tipo di servizio premium. In alcuni casi i gestori della linea consentono di effettuare tale operazione dal pannello di controllo della propria Sim, raggiungibile dal sito dell'operatore stesso.

© RIPRODUZIONE RISERVATA

La guida allo shopping del Gruppo Gedi