La lezione impartita dal virus sulla sanità pubblica