Reggio Calabria, indagati 30 “furbetti del cartellino” in ospedale

Immagine di archivio

Durante l’orario lavorativo i dipendenti della Casa di Cura di Scilla facevano la spesa o shopping oppure non si presentavano proprio