La Seawatch 3 e la Open Arms con 237 migranti navigano verso i porti di Taranto e Messina

DAL CORRISPONDENTE DA CATANIA. La Sea Watch 3 a Taranto, la Open Arms a Messina. Hanno un «pos», un porto sicuro in cui potere far sbarcare i migranti, le due navi Ong che la scorsa settimana hanno recuperato 237 migranti in acque internazionali davanti alla Libia. Le due navi erano in attesa da giorni del «pos» e nella tarda mattinata è arrivata la comunicazione ufficiale del Viminale, accompagnata dalla precisazione che «Francia, Germania, Portogallo e Irlanda hanno già dato la loro disponibilità ad accogliere i richiedenti asilo a bordo», sulla base della procedura di redistribuzione dei migranti a livello europeo avviata dalla Commissione Ue anche sulla scorta del pre-accordo di Malta dello scorso autunno.

La Sea Watch 3, nave della omonima Ong tedesca, ha a bordo 119 persone recuperate in poche ore in tre diversi interventi, giovedì della scorsa settimana. Al momento naviga a sud est della Sicilia. La Open Arms, della omonima Ong catalana, ne ha salvati 118 con due interventi avvenuti venerdì scorso. Molte le donne e i bambini a bordo delle due navi che in questi giorni hanno dovuto affrontare forte maltempo, perfino una violenta grandinata, e mare molto mosso. «Speriamo di arrivare presto a un meccanismo automatico di sbarco e redistribuzione - dice il fondatore della Ong spagnola, Oscar Camps - senza gli sporchi accordi con la Libia». La Open Arms, attualmente tra Lampedusa e Malta, ha pure problemi al motore. I migranti raccontano tutti i mesi, a volte anni, di privazioni, stenti e violenze in Libia in attesa di poter partire.

Negli stessi giorni della scorsa settimana, in qualche caso nelle stesse ore, nelle quali i soccorritori delle due Ong recuperavano i 237 migranti, nel mare davanti alla Libia - e in alcuni casi anche davanti agli stessi occhi degli equipaggi delle navi Ong - in centinaia venivano riportati indietro dalla Guardia costiera libica, anche con la forza. L’Oim, l’organizzazione dell’Onu per le migrazioni che assiste i migranti sui moli dei porti libici, stima nei primi giorni dell’anno il rientro nel paese africano in guerra di quasi mille persone, la maggior parte a Tripoli: 953, tra cui 136 donne e 85 bambini: «Quasi tutti sono stati ricondotti in Libia dalla guardia costiera libica e solo un ritorno con 60 persone è stato operato da una nave commerciale», ha detto un portavoce dell’Oim a Ginevra. I 60 avevano anche tentato di opporsi allo sbarco, inutilmente. Negli stessi giorni, la Guardia costiera libica ha recuperato - dice sempre l’Oim - i corpi di 23 migranti: «L'attuale improvviso aumento delle partenze è particolarmente allarmante, data la capacità molto limitata di ricerca e salvataggio nel Mediterraneo».

L’unica nave umanitaria rimasta davanti alle coste africane è la Ocean Viking di Sos Mediterranee e Medici senza frontiere, attualmente tra la Tunisia e Lampedusa. 

                                                                                                                                    

La guida allo shopping del Gruppo Gedi