Tutti a casa per il coronavirus, crollano i reati del 64% ma non le violenze domestiche o le rapine alle farmacie

La ministra dell’Interno Lamorgese: «Ma sono preoccupata per i maltrattamenti in famiglia». Attenzione ai reati informatici