Quirinale e governo, l'appello della Commissione Ue: “Serve continuità”

Il commissario al Bilancio, Johannes Hahn: «Ci auguriamo che la situazione resti così com'è perché vogliamo che i soldi del Recovery siano ben spesi»

Nella partita per il Quirinale, che coinvolge direttamente anche il futuro del governo, la Commissione europea ha le idee chiare: vuole che ci sia la massima «continuità» e che «la situazione continui così com’è». A rivelare il pensiero dell’esecutivo guidato da Ursula von der Leyen è Johannes Hahn, commissario Ue al Bilancio, vale a dire l'uomo incaricato di gestire la «cassa comune» con i soldi del Recovery.

L’austriaco, parlando con un gruppo di media europei tra cui “La Stampa”, non fa i nomi di Sergio Mattarella e di Mario Draghi, ma rispondendo a una domanda sull’elezione del capo dello Stato e sulle possibili implicazioni per il governo, risponde senza esitazione: «Credo che le oltre mille persone coinvolte nell’elezione siano pienamente consapevoli di tutti gli aspetti. Dal punto di vista della Commissione, abbiamo tutto l’interesse affinché continui la situazione tale come è oggi perché vorremmo che i soldi fossero ben spesi. Ci sono molte rassicurazioni e fiducia nel fatto che sarà così».

Hahn, commissario di lungo corso (è in carica dal 2010), ne ha visti molti di governi italiani susseguirsi. Per questo è convinto che oggi ci sia un clima particolare che sarebbe un peccato perdere. «Se guardiamo alla ripresa italiana e all’atmosfera in generale nella società – continua l’austriaco -, è tutto molto promettente e brillante. Spero che si continui così anche per il futuro e questo è condiviso da tutti in Europa perché l’Italia è uno dei nostri Stati membri più importanti. Le persone che in questo momento hanno una responsabilità sanno qual è la posta in gioco, non ho dubbi che sarà così».

____________________________

(fonte: La Stampa)