Una nuova casa per gli arbitri

Nella foto il direttivo dell'Aia di Finale Emilia con la torta per i 100 arbitri della sezione

Venerdì alle 18.30 inaugura la sede dell'Aia di Finale Emilia, che conta oltre 100 direttori di gara impegnati soprattutto nei campionati di Ferrara. Attese molte autorità

FINALE EMILIA. Dopo tre anni la sezione di Finale Emilia dell'Associazione Italiana Arbitri dedicata al compianto Moritz Galei, torna ad avere un proprio spazio: venerdì 6 novembre alle 18.30 si inaugurerà finalmente la nuova sede sezionale, messa a disposizione dall'amministrazione comunale finalese, in via Rotta 2, all'interno delle ex scuole medie di Finale Emilia.

Alla cerimonia interverranno numerosi ospiti tra cui il presidente nazionale dell'Aia, Marcello Nicchi ed il vice presidente Narciso Pisacreta che saranno accolti dal sindaco di Finale Emilia, Fernando Ferioli, e dal presidente della sezione AIA di Finale Emilia, Mirco Contri.

Tra le altre personalità del mondo arbitrale e calcistico che interverranno: Erio Iori, componente comitato nazionale Aia; Sergio Zuccolini, presidente CRA Emilia Romagna; Gianpiero Gregori, componente Cai; Pierpaolo Perrone, presidente sezione Modena; Daniele Tosi, presidente sezione Imola; Paolo Pigiani, presidente sezione Rimini; Alessandro Ruini, presidente sezione Reggio Emilia; Domenico Gresia, presidente sezione Piacenza; Marco Moretto, presidente sezione Cesena; Dorindo Sanguanini, vice presidente Figc Emilia Romagna; Vincenzo Credi, delegato Figc Modena; Giovanni Aretusi, delegato Figc Ferrara.

Nata nel 1957 sotto l'impulso di Moritz Galei - lo storico presidente venuto a mancare nel dicembre 2009 a cui è stata intitolata la sezione - l'Associazione italiana arbitri di Finale Emilia nella scorsa stagione ha superato quota 100 arbitri (104 per la precisione), tre dei quali sono donne, dirigendo numerose gare tra le province di Ferrara (in particolare), Bologna e Modena. Attualmente la sezione conta un arbitro nazionale di calcio a 5 (Stefano Mestieri), un assistente Can-Pro (Rodolfo Zambelli) ed un componente del settore tecnico di calcio a 5 (Stefano Guicciardi). Da segnalare, infine, che dei 19 nuovi arbitri “diplomati” nella passata stagione, ben 17 avevano meno di 18 anni.