Uova e colombe, in città una Pasqua biancazzurra 

Dal centro di coordinamento dei tifosi a molti locali cittadini: un successo i prodotti confezionati appositamente per celebrare la squadra estense 

Pasqua, l'uovo "ufficiale" della Spal

FERRARA. Oggi è Pasqua e sulle tavole dei ferraresi è possibile gustare colombe e uova pasquali della Spal. Al Centro di coordinamento dei tifosi, da metà febbraio la presidente Valentina Ferozzi ha ricevuto le moltissime prenotazioni: da diversi giorni, oltre che ricevere le prenotazioni per la prossima trasferta di Latina, è impegnata a consegnare le uova pasquali ufficiali della Spal. «L’idea delle uova di Pasqua è nata cinque anni fa – dice Valentina Ferozzi, presidente del Centro di Coordinamento -; abbiamo pensato di fare un regalo ai ferraresi: l’uovo con dentro un gadget che sia riferito alla Spal». Cosa troveranno dentro l’uovo i tifosi biancazzurri? «Un portachiavi con la maglietta, dotata del nome e del numero di ogni calciatore. È stato un regalo che ci ha fatto la società. Ringrazio moltissimo il presidente Walter Mattioli, che mi ha telefonato regalandomi la possibilità di mettere il marchio Spal, così abbiamo l’ uovo di Pasqua ufficiale biancazzurro».


«Le richieste sono state tantissime, continuano a telefonare in molti, ma la ditta ha già fatto l’ultima consegna a inizio settimana e non può seguirci a ruota. Le prime prenotazioni – ha chiuso la Ferozzi – sono arrivate almeno due mesi fa. Questa è la quarta o quinta consegna che ci ha fatto la ditta. La cioccolata è buonissima, la gente ci fa i complimenti, da quest’anno parliamo di cacao senza lattosio: è un cioccolato davvero fantastico».
Le uova della Spal, anche se non ufficiali, sono presenti pure in alcuni forni cittadini. Diversi bar, invece, organizzavano una lotteria con in palio uova di Pasqua giganti a fortissime tinte biancazzurre. In pieno centro storico, nel Ferrara Store, da segnalare la “combo” uovo di Pasqua-birra “La spallina”. Colombe e uova non mancano neppure alla pasticceria “Frignani”.


«Siamo sponsor della Spal nel reparto vip – dice Diego Toselli -, l’idea era nata per le colombe. Dopo di che, anche e soprattutto visto il grande successo delle prenotazioni, abbiamo chiesto alla società se potevamo produrre pure le uova di Pasqua: detto, fatto. Le vendite sono andate benissimo, devo dire che siamo contenti, abbiamo prodotto circa 60 uova. Contentissimi anche della vendita delle colombe spalline, piccole e grandi». Sara e Debora, quest’ultima tifosissima di Luca Mora, sono state immortalate con le prelibatezze della Spal.


Lorenzo Montanari
©RIPRODUZIONE RISERVATA.

La guida allo shopping del Gruppo Gedi