«Non dobbiamo fare per forza delle cessioni eccellenti»