Gran menù al palace: la Feli Pharma riceve San Severo per un duello di testa

In diretta tv a mezzogiorno di fronte  le inseguitrici di Verona. D’Auria eletto nel consiglio di Lega: «Sarò molto attivo» 

FERRARA. Con quattro vittorie in sei partite San Severo è sicuramente la rivelazione di questa prima parte di campionato. Domenica, nell’anticipo delle dodici, i pugliesi faranno visita alla Feli Pharma per un gustoso pranzo domenicale a base di basket. Sarà una sfida di alta classifica quella tra ferraresi e pugliesi, visto che pure i biancazzurri hanno lo stesso ruolino di marcia degli avversari. Ecco perché vale la pena assistere a quella che si preannuncia una gara avvincente, tanto da meritare la diretta televisiva di Sportitalia.  Ferrara arriva alla gara  dopo una sconfitta sul difficile campo di Forlì e dopo una settimana non semplice dal punto di vista fisico.

Acciacchi. Oltre all’assenza, per buona parte della preparazione, di Patrick Baldassarre, coach Spiro Leka ha dovuto gestire gli acciacchi muscolari del regista Luca Vencato. Comunque saranno entrambi disponibili e pronti a scendere in campo. Una buona notizia per il Kleb che cerca di far fronte agli sconquassi di organico con la forza del gruppo e la compattezza di un ambiente che, di fronte alle difficoltà, ha dimostrato di avere la capacità di restare unito. Una dote non da poco per affrontare qualsiasi tipo di situazione.


Sotto i riflettori. In campo, la Feli Pharma dovrà affrontare un’avversaria ritornato in A2 dopo otto stagioni di assenza e pronta a vendere cara la pelle. Dopo aver vinto all’esordio a Milano contro l’Urania, San Severo ha battuto Imola e Orzinuovi sul proprio campo ed espugnato Roseto, mentre è stata fermata da Forlì ed è uscita sconfitta, una settimana fa, dalla sfida interna con Verona.

La stella della squadra è senza dubbio Demps, play-guardia americana da quasi venti punti e tre assist a partita. Nel stesso reparto ci sono altri giocatori da tenere d’occhio come Antelli (10 di media) e Spanghero. Più vicino a canestro gravitano l’altro Usa, Kennedy (11 punti e 7 rimbalzi di media), ma anche il solido Chris Mortellaro oltre a Maspero. Sicuramente va dato merito a coach Cagnazzo (già visto a Jesi) di aver dato a questa squadra un gioco molto efficace.

Ferrara, che in casa non ha mai perso, sa che affronterà una squadra esperta e con talento, soprattutto negli stranieri. Ovvio che il risultato finale dipenderà molto dalla prestazione difensiva. «Vogliamo dimostrare che i 104 punti subiti a Forlì non sono da noi – ha dichiarato alla vigilia un combattivo Tommaso Fantoni –. Ce la metteremo tutta per fare una buona gara. Sarà una sfida molto dura e dinamica. Sarà importante mettere qualche granello di sabbia nei loro ingranaggi». E il Kleb potrà farlo solo con la difesa, controllando l’area, per poi provare a ripartire e costruire azioni d’attacco ben congegnate.

Eletto. Intanto sabato a Bologna, Francesco D’Auria durante l’Assemblea della LNP è stato eletto nuovo membro del Consiglio direttivo per la Serie A2. Il presidente del Kleb Ferrara prende il posto di Paolo Vazzoler, presidente di Treviso, promossa in Serie A. «Sono molto contento di essere entrato nel Cda della Lega – dice D’Auria –, vado a sostituire Paolo Vazzoler, che stimo tantissimo: prendere il suo posto mi fa ancora più piacere. Ho intenzione di dare una mano alla pallacanestro italiana, questo è uno dei motivi per cui mi sono candidato: sarò molto attivo in questo ruolo e mi impegnerò tanto per tutto il movimento cestistico italiano. Grazie al presidente Pietro Basciano, a Massimo Faraoni e a tutti i membri del Cda».

«Mi fa piacere cercare di portare la pallacanestro estense a un livello sempre più alto - aggiunge D’Auria -: abbiamo avuto i complimenti da parte di altri presidenti per come abbiamo allestito il nostro palazzo, ne sono molto felice. Ringrazio il sostegno del mio direttivo interno, da Franco Del Moro a Gigi Terrieri, che mi hanno accompagnato in questa scalata: posso dire che siamo arrivati al risultato che mi ero prefissato. Ora San Severo, una gara speciale contro una rivale grintosa e ben allestita. Dobbiamo fare dell’MF Palace un fortino». —

Mauro Cavina
Lorenzo Montanari

BY NC ND ALCUNI DIRITTI RISERVATI.

La guida allo shopping del Gruppo Gedi