La Feli Pharma è un carro armato. Parte soft poi domina: Imola demolita

Il derby diventa spettacolo man mano che passano i minuti. Biancazzurri in trionfo e solidi in quarta posizione

FERRARA. Non si ferma la Feli Pharma, che strapazza Imola nel derby e conquista due punti pesanti per la classifica, tornando a essere una squadra che, sul proprio campo, è difficile da battere. Non è stato semplice per il Kleb domare l’Andrea Costa. Ma alla fine a fare la differenza è stata la difesa, che già nel secondo tempo ha dato modo ai biancazzurri di prendere in mano l’incontro e poi gli ha consentito lo strappo finale, quello decisivo per la vittoria.. E dire che Ferrara ci ha messo un po’ di tempo a trovare il passo. Nei primi otto minuti il canestro sembrava stregato ed era solo Imola a segnare.

L’ingresso di Panni ha dato fluidità al gioco e, dopo la parità, ecco la schiacciata di Ebeling per il primo vantaggio. Dopo la prima pausa Imola prova a resistere sotto canestro, ma i punti arrivano dalla mano calda di Fultz, proprio mentre Wiggs comincia a suonare la carica: tripla, penetrazione e libero aggiuntivo, altra tripla. Però il salto di qualità della Feli Pharma arriva in difesa. Recupero di Campbell, controllo dei rimbalzi e due liberi di Fantoni per il 40-34 del 18’. Imola è nervosa e fatica a tenere il ritmo di Ferrara. Ci prova Masciadri, ma Casella e poi Panni segnano i canestri del +10 (48-38).

Dopo la ricreazione la pressione difensiva del Kleb aumenta ancora, così come il controllo dei rimbalzi. Fantoni segna in tap in il 52-43, Baldassare attacca l’area con decisione e dalle mani roventi di Wiggs arriva con una tripla il 60-47. Imola ovviamente non ci sta. Masciadri preme sull’acceleratore, Bowers lo segue e Taflaj segna sulla sirena una tripla che mantiene viva Imola, anche dal punto di vista emotivo. L’impressione, però, è che Ferrara abbia più benzina nel serbatoio, soprattutto in difesa. Valutazione confermata all’inizio dell’ultimo quarto, quando l’energia dei padroni di casa si riversa sul campo di gioco.

Wiggs sale nuovamente in cattedra e segna sei punti di fila facendo impazzire la difesa di Imola (75-62 al 34’). Il pubblico dell’MF Palace s’infiamma e in campo l’agonismo è sempre elevato. Mentre le palle recuperate danno coraggio a Ferrara, che con i due liberi di Panni e il canestro di Baldassarre vola addirittura sul 79-62 al 36’. Ci si aspetta la reazione di Imola, che invece non arriva, anche perché la difesa del Kleb resta solida su tutto il campo. Le Naturelle fa fatica a organizzare l’attacco e tutti gli errori Ferrara riesce a punirli. Segna Wiggs, in avvicinamento fa gol pure Baldassarre, ma è la tripla di Wiggs che scrive il +22 (86-64 al 38’). È il momento dei titoli di coda, l’Andrea Costa non prova nemmeno a colmare lo svantaggio. Il Kleb può festeggiare una vittoria di grande spessore, che la tiene nelle zone alte della classifica a due giornate dall’inizio della fase a orologio. —

Mauro Cavina

© RIPRODUZIONE RISERVATA.