L’Ospitalese sprinta, il Vaccolino non molla, mentre bomber Grandi spinge la Dogatese

Atos Grandi, 37 anni, inossidabile bomber della Dogatese

Per la lotta salvezza bene la Laghese col progetto giovani. Momento delicato per il Barco e per l’Argenta Pgv

FERRARA. L’emergenza Coronavirus bloccherà la ventesima giornata di Seconda categoria, che si sarebbe dovuta disputare domani. Tutto rimarrà dunque invariato in questo inizio marzo, con le quattordici partecipanti in questi giorni impegnate nel mantenersi in forma con gli allenamenti a porte chiuse nei centri sportivi. . Per quanto concerne la classifica va annotato che la definizione degli obiettivi varia veramente molto poiché (quasi) tutte le squadre hanno attraversato filotti positivi o negativi.

Ad esempio la capolista Ospitalese, reduce da tre bei punti timbrati dal solito scatenato miglior attacco del torneo: le firme di Marzola, Rambaldi, Arveda e Nasci sono sempre una garanzia. Perlomeno per mantenere quei tre punti di vantaggio su un Vaccolino che, dal canto suo, non vuole proprio mollare. E ci mancherebbe. La formazione di mister Barboni è quella che fino a questo momento ha pareggiato meno (solo una volta).


Gran cammino

Al terzo posto, sicuramente più staccata ma attrice di un campionato veramente sensazionale, c’è la Sorgente di mister Salvadego che può vantare la miglior difesa con solo sedici centri al passivo. Stessi punti e numeri di rendimento simili per la Codigorese di Camattari, la quale proverà a dar tutto durante il periodo playoff.

In scia rimane anche il Filo, squadra sempre divertente viste le girandole di gol che si susseguono in ogni incontro indipendentemente dalla disputa in casa o in trasferta. I tre posti di metà classifica sono attualmente occupati dall’Ostellatese (reduce da due preziose affermazioni consecutive), dagli Amici di Stefano (Casotti riesce spesso a imbrigliare le avversarie con l’ottima organizzazione dei ragazzi di Ambrogio) e dall’Atletico Fiscaglia di Rosatti che nonostante l’ultimo pesante ko in quel di Dogato aveva manifestato un discreto stato di salute anche grazie alle continue reti di Franchi.

Due squadre che invece stanno ancora lottando per la salvezza, ma che in questa prima parte del girone di ritorno hanno martellato più delle concorrenti, sono la Dogatese e la Laghese. A Lagosanto mister Zibelli prosegue nel suo progetto giovani e a fine stagione accoglierebbe di certo con entusiasmo la linea del traguardo salvezza; mentre in quel di Dogato, nell’ultimo turno, i biancorossi locali sono stati trascinati dallo storico bomber Atos Grandi che all’età di 37 anni (dopo ave recuperato da una seria operazione al ginocchio e diversi acciacchi fisici) ha siglato una tripletta che ha fatto veramente parlare.

Testa alta

Complimenti a lui e complimenti anche al Traghetto Molinella, fresco dei tre pesantissimi punti utili alla squadra di Civolani per rialzare un po’ la testa nella delicata bagarre finale. Rimangono nelle retrovie il Barco (momento delicato), l’Argenta Pgv (formazione che ha vinto meno quest’anno, tre volte) e il fanalino di coda Santa Maria Codifiume.

Classifica

Ospitalese 40. Vaccolino37. Codigorese33. Sorgente33. Filo31. Ostellatese29. Atletico Fiscaglia28. Amici di Stefano28. Dogatese23. Laghese21. Traghetto Molinella19. Argenta PGV16. Barco16. S. Maria Codifiume12.

© RIPRODUZIONE RISERVATA.

La guida allo shopping del Gruppo Gedi