Contenuto riservato agli abbonati

La Top Secret si arrende soltanto nel finale

Grande avvio a Scafati, poi la Givova va via. Il Kleb rimonta e sorpassa sul +1: decidono gli episodi negli ultimi secondi

Basket, la Top Secret si arrende nel finale. Leka: "Ci è mancato l'ultimo guizzo"

SCAFATI (SA). A un passo dall’impresa, sul campo della corazzata Givova Scafati. Al Pala Mangano finisce 86-83. Peccato, perché la Top Secret è andata vicinissima al colpaccio, che sarebbe valso tanto. Adesso, sotto con Pistoia: domenica, finalmente, si ritornerà all’MF Palace per una gara che varrà moltissimo.

PARTENZA SPRINT

Coach Leka comincia lasciando Hasbrouck in panca e l’avvio della gara è tutto di marca biancazzurra. A differenza della sfida a Latina, questa volta il tiro da fuori c’è: Vencato, Baldassarre e Pacher sbagliano niente, il primo mini break è di marca biancazzurra: al 4’ la Givova è doppiata (7-14, 6 punti di Pacher e 5 per Baldassarre). Ci penserà Jackson a riportare in equilibrio le sorti della partita (14 pari al 6’). Hasbrouck entrerà al 6’ e combinerà pochissimo (0/3 al tiro, 2 palle perse e –11 di plus/minus all’intervallo lungo), dall’altra parte del campo il duo Rossato-Cucci chiude il controbreak di 19-7 che porta avanti i padroni di casa dopo 10’ sul 26-21.

In avvio della seconda frazione Vencato esce per il terzo fallo e per essere stato toccato duramente allo zigomo sinistro, così Scafati ne approfitta, prima con la tripla di Musso e con il canestro di Thomas (37-28 a ridosso della metà della seconda frazione), poi con Rossato e l’onnipresente Thomas, bravo a confezionare, al 16’, il massimo vantaggio Givova: +13, 41-28. Il finale della seconda frazione è di marca Kleb che, pure grazie all’atletismo di Filoni, supportato dalle bombe di Baldassarre e Panni e da Zampini, rientra sul –7 all’intervallo lungo: 45-38, nonostante le otto palle perse.

ECCO HASBROUCK

In avvio della ripresa, grazie a Panni, Pacher e al rientrante Vencato, la Top Secret resta a galla, ma Cucci ai liberi diventa una sentenza: al 25’è 53-45. Arrivano i primi punti di Hasbrouck (finalmente!), Panni, fra i più positivi in casa Kleb, è colpito duro e per un attimo fatica a respirare (si riprenderà subito), Jackson ricaccia a –10 Ferrara al 27’(60-50), ma Hasbrouck ora è più dentro al match e i suoi punti risultano fondamentali nell’economia del recupero estense: al 31’ è 66-62 (bravo Zampini).

Finale da vietare ai deboli di cuore: dopo il –8 (75-67) firmato Thomas, Pacher (tre liberi e tripla) sale in cattedra: al 37’ è –1 (77-76). Ancora Jackson e Cucci per un finale thriller (82-78 al 38’). Tre liberi di Pacher, a 48” dalla sirena, e ancora Pacher (Mvp dei suoi) per il sorpasso (82-83) Top Secret in schiacciata. A –36” Cucci fissa l’84-83, Hasbrouck forza e sbaglia, cosa che Jackson dalla linea della lunetta non fa. Baldassarre sbaglia sulla sirena la tripla che avrebbe portato all’overtime. Peccato, davvero, anche perché pure a Scafati, sul campo della corazzata Givova, la Top Secret è andata davvero vicinissima all’impresa. I miglioramenti ci sono stati, adesso sarà fondamentale battere Pistoia domenica prossima. —

Lorenzo Montanari

© RIPRODUZIONE RISERVATA