Contenuto riservato agli abbonati

Ferrara, morto Piero Zabini un’eccellenza del basket. Lo piange il movimento

Coach, organizzatore, una vita spesa per la pallacanestro. Il presidente Bianchi: allenatore benemerito e grande uomo

FERRARA. Il basket di casa nostra, e non solo, perde Piero Zabini, scomparso mercoledì sera dopo diversi problemi di salute accusati già nel recente passato.

Classe 1948, ex allenatore, ma pure uomo che ha lavorato moltissimi anni per il bene della palla a spicchi ferrarese, era infatti a strettissimo contatto con il numero uno del basket estense Giorgio Bianchi nell’organizzazione di varie competizioni giovanili. Zabini ha lavorato pure in Federazione, e dopo la sua scomparsa sono arrivati moltissimi messaggi di tante persone che hanno lavorato fianco a fianco a lui, mettendone in evidenza le doti umane e non solo. Dopo Mario De Sisti e Rodolfo Perini, se ne va un’altra eccellenza del nostro basket, uno che ha lavorato sempre per portarlo ai massimi livelli.


«Abbiamo avuto una bella batosta – le parole dell’amico fraterno di Zabini, Giorgio Bianchi -, siamo sconvolti, anche perché ci stanno lasciando molti nostri amici». Il ricordo: «Ero molto legato a Piero, a maggior ragione dopo i guai di salute che l’avevano colpito nel passato recente, lo coccolavamo sempre, dal canto mio lo impiegavo nelle edizioni del Join the Game, così gli davamo sempre la possibilità di essere tra di noi e lui questa cosa la sentiva molto».

Zabini ha speso una vita per il basket. Amato da tutti, aveva un tono di voce che avrebbe potuto incutere timore, in realtà non era così. «Piero era un uomo buono – riprende Bianchi -, era allenatore benemerito, traguardo raggiunto un paio d’anni fa, è stato capo allenatore a Mirabello, nella squadra di Serie C femminile, come tecnico ha sempre avuto incarichi davvero interessanti, così era sempre tenuto in considerazione. Piero – ha chiuso Bianchi – è sempre stato nel mondo della pallacanestro, assieme a me, Frabetti e Pozzati, entourage con il quale si faceva sempre “comunella”».

Diversi i messaggi di cordoglio arrivati sui social dopo la notizia della scomparsa di Piero Zabini. Assieme a lui ha lavorato a strettissimo contatto Valeria Giovati: «Ciao Piero, è stato un onore fare un pezzo del cammino con te!», le sue parole, a testimonianza della grande persona che era Zabini, che lascerà un vuoto importante nelle dinamiche organizzative dei vari eventi giovanili del basket ferrarese. —

Lorenzo Montanari

© RIPRODUZIONE RISERVATA