Contenuto riservato agli abbonati

Immensa Top Secret: l’impresa a un passo, Napoli però avanti 2-0

Dopo il crollo di “gara 1” ieri estensi ko all’ultimo secondo Mayo segna due liberi, Bertone sbaglia la tripla dell’over time

NAPOLI. A un tiro dall’impresa che sarebbe stata clamorosa: il ferro ha sputato la tripla di Bertone e la Top Secret, davvero encomiabile e mai doma, lascia a Napoli il secondo punto della serie. Uscendo fra gli applausi del Pala Barbuto. Finisce 78-75. Venerdì, gara 3 a Ferrara.

La Top Secret ieri ha retto l’urto dello strapotere GeVi con Pacher protagonista (8 punti in avvio e 6-8 al 4’). Ferrara non realizza per 4’, Parks, Marini, Lombardi e Uglietti dall’altra ne approfittano fissando, al 9’, il 18-11. Che fosse una serata differente da quella di domenica lo si capisce dall’ottima partenza del secondo parziale per il Kleb che, nonostante i due falli a carico, trova capitan Fantoni mattatore (8 punti nel secondo quarto), ben coadiuvato da Dellosto e Vencato: al 14’ è 27-30, con Fantoni protagonista vero sotto i tabelloni. Arriva il terzo fallo del capitano, come il terzo di Filoni, bravo comunque a mettere energia sul parquet del Pala Barbuto. La Top Secret c’è, anche se la GeVi esce alla distanza, corre con Parks (che fisicità) e segna sotto canestro con Iannuzzi; Lombardi poi schiaccia il 35-32 targato 17’, ma i biancazzurri del coach Spiro Leka restano attaccati ai quotatissimi campani. La Top Secret non muore mai, costringe Napoli a trovare il canestro con fatica. Dimostrando un cuore grande così.


Avvio della ripresa all’insegna del grande equilibrio. Il fallo antisportivo comminato a Vencato mette un po’ in crisi i biancazzurri, dall’altra parte del campo Parks porta i suoi sul 52-47; ma Filoni e Zampini non ci stanno: al 26’ è ancora parità a quota 52. Momento topico della gara: il Kleb non segna per 2’ e la GeVi ne approfitta con Parks, Mayo, Burns (57-52) e Lombardi (tripla del 60-52 al 28’). Anche sotto di 8 lunghezze (massimo svantaggio biancazzurro) gli uomini del coach Leka non si disuniscono e, grazie soprattutto a Baldassarre, rientrano sul 62-56 targato 30’.

Il match si decide durante gli ultimi 10’, cominciati da Pacher con il giusto piglio (62-58) e quando Zerini da fuori è una sentenza (65-58 al 32’) il Kleb per l’ennesima volta dimostra un cuore grande da Napoli a Ferrara: Dellosto e Vencato fissano il 66-63 al 35’, finale al cardiopalma, con Pacher (azione da quattro punti del 69-67 che risponde a Marini). Zerini schiaccia il 72-67, poi quattro punti di uno straordinario Pacher riportano a -1 i compagni (72-71). Finale incredibile. Tripla di Mayo, gol di Bertone (75-73), a -19” fallo da rivedere di Pacher su Mayo, che fa 1/2 ai liberi. A -6”, Panni insacca i liberi del 76-75, a -5” Mayo fa 2/2 e l’ultimo tiro è sbagliato da Bertone. La GeVi vince, ma avrebbe meritato moltissimo la Top Secret.

«Il rammarico è tanto – dice coach Spiro Leka a fine gara -, abbiamo fatto una grandissima partita. Questi ragazzi sono speciali e hanno fatto qualcosa d’incredibile, contro una squadra come Napoli che gioca con estrema fisicità. Peccato: Mayo ha messo la bomba e noi l’abbiamo sbagliata». —

Lorenzo Montanari

© RIPRODUZIONE RISERVATA