Contenuto riservato agli abbonati

Spal, preso il portiere Seculin e arriva anche l’esterno D’Orazio

L’ex estremo difensore del Chievo si allena già a Ferrara. Il Cagliari di Semplici tiene nel mirino Strefezza 

FERRARA. È finalmente arrivata anche l’ufficialità.

Andrea Seculin ha sottoscritto il suo contratto annuale con la Spal e già nella giornata di ieri si è allenato il compagno di reparto Demba Thiam agli ordini del preparatore dei portieri, Cristiano Scalabrelli.


Quello dell’estremo difensore goriziano (1990) è il terzo acquisto formalizzato dalla Spal, che ha fortemente voluto affidarsi ad un portiere di certificata esperienza che si rivelerà di certo utile al team nel caso di una titolarità, ma che è anche assolutamente pronto per contribuire alla costante ascesa di Thiam.

Nel suo percorso Seculin è cresciuto sostanzialmente con la Fiorentina prima di approdare in B alla Juve Stabia, coronando il suo esordio tra i professionisti nell’agosto 2011. Ha poi fatto parte delle rose di Chievo (proprietario del suo cartellino dal 2013), Sampdoria e Avellino: proprio in Irpinia, nella stagione 2013/2014 ha vissuto la sua ultima piena annata da titolare.

Sistemato un tassello, eccone un altro. Si tratta dell’esterno d’attacco Ludovico D’Orazio (2000) proveniente dalla Roma. Un ragazzo di cui si parla un gran bene nell’ambiente capitolino – dove ha mosso i suoi primi passi -, ma anche sulle rive del Garda con la scorsa buonissima esperienza alla Feralpi Salò fatta di 35 gare con tanto di doppia cifra complessiva se sommati i 6 gol e i 5 assist. Autentica spina nel fianco per i terzini avversari (gioca liberamente largo a destra e sinistra), si appresta a vivere la sua prima stagione in serie B agli ordini di Clotet.

In quel ruolo la Spal potrebbe tuttavia perdere il brasiliano Gabriel Strefezza: il primo interesse – pur ancora non manifestato direttamente ai dirigenti di via Copparo – arriverebbe dal Cagliari, con Leo Semplici che vedrebbe bene il duttile carioca come naturale sostituto del partente Nandez (destinato all’Inter).

Intanto la giornata di ieri è stata particolarmente importante per stringere l’accordo del prestito di Lorenzo Colombo (2002): Zamuner e De Franceschi si sono infatti recati a Casa Milan dove hanno incontrato i dirigenti rossoneri per formalizzare un affare ormai noto da tempo e confermato dagli Stati Uniti anche dallo stesso Tacopina. Un’altra situazione ampiamente conosciuta è quella legata ad Alessandro Tripaldelli, che da Asseminello freme in attesa di vestirsi (finalmente) di biancazzurro.

Una volta dopo questa chiusura la Spal deciderà se affiancargli nel reparto l’altrettanto gradito profilo di Raffaele Celia. Al momento resta in standby il difensore Gabriele Corbo per via della ricerca prioritaria di un titolare nel ruolo da affiancare a Vicari, ma anch’egli è destinato a entrare nella prossima rosa spallina.

Alla Spal, per il gruppo Primavera, ecco invece a titolo definitivo il difensore (2003) Pietro Saio dalla Juventus, lo scorso anno in prestito al Monza. —

Alessio Duatti

© RIPRODUZIONE RISERVATAFERRARA