La Tramec non si esalta troppo Coach Mecacci: «La Supercoppa serve solo per giocare insieme»

cento. Un passo avanti convinto nel precampionato dei biancorossi, coinciso con la vittoria di domenica nel derby contro la Top Secret al termine di una partita piacevole; magari senza il pathos che regalano le gare di campionato, ma un bel test in cui la Tramec, sebbene appesantita dalla preparazione, ha fatto vedere cose che lasciano ben sperare per il futuro.

«Una partita molto avvincente, agguerrita, noi non ci siamo presentati all'inizio, siamo partiti malissimo - ha detto Mecacci analizzando il derby -; subito il 10 a 0 per Ferrara, con cose sbagliate nonostante avessimo dato precise indicazioni, poi la squadra è stata brava a ricompattarsi e fare un break importante, con un'ottima difesa nel secondo quarto concedendo a Ferrara solo 11 punti, poi dopo essere andati al massimo vantaggio nel terzo quarto (53-36) ci siamo incartati e si è vista la differenza di capacità di reagire quando succede qualcosa di particolare. Quando Ferrara ha fatto la scelta estrema di giocare come faceva l'anno scorso con Pacher unico lungo ha aperto molto più il campo ed in questo momento non abbiamo ancora indicazioni particolari su quel tipo di situazione. Abbiamo perso il flusso ma comunque sempre tenuto quel distacco tra 5, 7 punti. Nell'ultimo quarto secondo me entrambe le squadre erano morte per i carichi di lavoro, per il minutaggio dei giocatori, tiri corti, anche errori da sotto. Abbiamo giocato una buona partita contro una squadra importante».


Molto in palla Tomassini, preciso al tiro per 20' (16 punti e 3/3 da tre punti e 6 rimbalzi) e leader nella gestione. Buona la prova offerta da Barnes (15 punti con 6/11 dal campo e 6 rimbalzi), un mezzo lungo che sa fare tutto e non dà punti di riferimento. Buono l'impatto con Cento di Zilli, centro spigoloso e di prestanza atletica. Non male la percentuale al tiro da tre punti della squadra. L'idea del gioco di Mecacci già c'è, circolazione, ribaltamenti. Interessante il dato dei rimbalzi catturati, addirittura 10 in più di Ferrara, una squadra fisicamente importante tenuta domenica sotto i 70 punti. Era una partita ufficiale di Supercoppa, Mecacci dice la sua invitando tutti a tenere i piedi ben incollati a terra: «Queste partite servono per la conoscenza reciproca, per provare e giocare assieme».

Domani sera seconda partita di Supercoppa. La Tramec gioca a Forlì al Pala Unieuro alle 20.30. È intanto tornato in gruppo Yankiel Moreno, che non giocherà a Forlì e potrebbe disputare qualche minuto contro Ravenna.

Simone Gagliardi

© RIPRODUZIONE RISERVATA