Contenuto riservato agli abbonati

Dagli acuti di DiFra alle difficoltà di Murgia. Ecco il cammino di tutti gli ex della Spal

Berisha messo ai margini dalla crescita di Milinkovic Savic. Iskra e Salamon: derby in Polonia. E intanto domani primo allenamento aperto al pubblico al "Mazza"

FERRARA. Una trentina di uscite, operate per svariati motivi, hanno cambiato volto alla Spal. Tra le diverse modalità di “saluto” ecco gli svincoli, i fine contratto, i rientri dai prestiti alle società d’appartenenza, i prestiti d’uscita, quelli “secchi” o con il famoso diritto di riscatto. Dove sono finiti i calciatori che specificatamente nella scorsa annata 2020/2021 hanno gravitato più o meno con consistenza dentro il pianeta Spal? La lista è lunga.

PORTIERI


Lo strano caso di Etrit Berisha, che a Torino fa panchina a un altro recente ex spallino, Vanja Milinkovic Savic: una sorta di paradosso tecnico, pur se l’attuale titolare della porta granata è in crescita. Maurice Gomis, dal canto suo, è andato in Cipro con l’Agia Napa, mentre il giovane Cesare Galeotti alla Pergolettese ha recentemente trovato un po’ di spazio a discapito di Soncin. Inevitabile sperare in un buon percorso di crescita per l’ex portiere della Primavera. Meneghetti, invece, a Gubbio non sta trovando spazio.

DIFENSORI

Missione cipriota in corso anche per il serbo Tomovic, che all’Aek Larnaca (gioca regolarmente) ha strappato un contratto fino al 2023.

In Polonia Iskra e Salamon si sono recentemente sfidati nell’ultimo turno con le proprie squadre prima della sosta: il giovane Iskra si trova in prestito allo Slask Wroclaw (diversi minuti giocati e convocazioni con la Polonia U20), mentre l’ex del Lech Poznan trova sempre spazio nel club che l’aveva fortemente rivoluto in patria già in quella fascia di mercato invernale che per nulla era piaciuta a Pasquale Marino. In quel di Cremona, Okoli e Sernicola sono titolari sostanzialmente inamovibili della squadra di Pecchia, che sogna di rimanere nei piani alti della classifica. Invece Ranieri da qualche partita ha trovato la completa fiducia di Castori: a Salerno gioca dal primo minuto, ma nel ruolo di terzino sinistro. A tal proposito, nella medesima zona di campo, Yabre a Cesena si sta ancora ambientando ma di lui si parla un gran bene. Sala a Crotone sta faticando (un po’ come tutta la squadra).

CENTROCAMPISTI

Piccola parentesi su Mazzocco, prossimo avversario della Spal a Cittadella. Ed ecco un passo indietro di diversi mesi per aggiornare la vita turca del “Pata” Castro: da gennaio scorso col Fatih Karagumruk (16 presenze, 3 gol e 3 assist), ora all’Adana Demirspor con Montella e Balotelli. Per contro D’Alessandro a Monza non è quasi mai titolare e sempre nel medesimo spogliatoio anche Valoti non ha ancora carburato per via di una condizione fisica non ancora ottimale. Chi invece sta facendo molto bene è Strefezza a Lecce (già 2 gol e 2 assist).

Missiroli – da svincolato – si è appena accasato a Cesena in C, categoria dove gioca anche Tunjov con la Carrarese (per lui un gol decisivo segnato e un’espulsione rimediata nel turno successivo). Infine sguardo a Perugia con Segre che è titolare nel cuore del centrocampo di Alvini (che gioca 3-4-1-2), a differenza di Murgia ancora praticamente inutilizzato (è la riserva del trequartista Kouan).

ATTACCANTI

Parecchie storie anche nel reparto dei gol. La grandezza di Floccari si è spostata fuori dai rettangoli di gioco, con i commenti tecnici (apprezzabili) su Dazn. Paloschi è a Siena in C (solo un gol a referto per ora), mentre Tumminello a Reggio Calabria sta bene ma ha giocato solo cinque minuti di stagione.

Nella B spagnola ci sono Asencio e Cuellar (Alcorcon e Lugo), entrambi ancora con le polveri piuttosto bagnate, mentre il giovane Moro è finito in prestito dal Padova al Catania dove sta facendo davvero bene (già 4 reti). Jankovic prosegue senza entusiasmare la sua avventura israeliana al Beitar Gerusalemme, Brignola dopo Frosinone è tornato a Benevento dove spera di giocare e Sebastiano Esposito a Basilea si sta mettendo in luce. In chiusura l’importante capitolo Di Francesco: le premesse sono interessanti: a Empoli Andreazzoli lo coinvolge, è andato anche in gol contro il Cagliari e quel diritto di riscatto chissà che non possa andare in porto al termine della stagione.

 

ALLENAMENTO

Domani alle 16, intanto, primo allenamento a porte aperte dell'era Tacopina. I tifosi di potranno accomodare nella tribuna dello stadio Paolo Mazza.

Alessio Duatti

© RIPRODUZIONE RISERVATA