Contenuto riservato agli abbonati

Batticuore Tramec, arriva la prima vittoria. Verona si arrende allo sprint di Moreno

Allo scadere del supplementare il playmaker si fa tutto il campo e con un canestro in sottomano manda Cento alle stelle  

CENTO. La Tramec rompe il ghiaccio. Sono serviti 45 intensi per conquistare con merito la prima vittoria in campionato, contro una big del girone. Credendoci sempre.

Prima insegue, poi prende il comando e di fatto non lo molla mai. È costretta al supplementare, deciso da Moreno che in 6” si fa tutto il campo e chiude in sottomano. Una di quelle vittorie che contano, per il valore dell’avversario e per cancellare quel maledetto 0 in classifica.


L’inizio tra alti e bassi

Verona è enorme: Pini, Rosselli e Johnson assieme. La partita è intensa. Bella ed emozionante. Apre subito le danze Rosselli da tre, a cui risponde Barnes sempre dal perimetro; la prima mini spallata la dà Penna con cinque punti di fila, 4-10 al 3’. Time out e capitan Ranuzzi sul campo a battersi contro tutti e recuperare, 9-12.

James forza un paio di tiri di troppo, andare a giocarsela sotto non è agevole. Tanti scarichi per tiri piazzati e la Tramec resta incollata a Verona, James segna il primo canestro all’8’, 14-16 e match apertissimo. La Tramec cresce in difesa, è battaglia; da Berti minuti di qualità con rimbalzi e blocchi in attacco al posto di Zilli, che quando è in campo ha il merito di prendere il tempo al difensore.

Per il sorpasso occorre solo aspettare la prima azione del secondo parziale: tripla di Gasparin, 20-18 all’11’. È il momento migliore per Cento, parte tutto dalla difesa, è aggressiva su ogni cambio a prescindere dal vantaggio di centimetri degli scaligeri; segnano l’ex Tomassini e Barnes da tre, 27-20 al 15’. Mecacci mescola un po’ le carte in difesa con dei cambi automatici tra zona e uomo che complicano la vita a Verona che in 8’ segna 4 punti. Moreno e James affondano la lama, 31-22 al 19’. Solo una tripla impossibile sulla sirena timbrata Anderson dà fiato alla Tezenis, 34-27 al 20’.

La ripresa intensa

La Tezenis riparte a suon di triple, subito Pini poi a turno Johnson e Anderson due volte; colpisce anche James da tre, ma c’è il sorpasso sul 40-42 al 25’. Ancora reazione e controsorpasso firmato Ranuzzi con un canestro e fallo, 45-42 al 26’.

Ranuzzi dall’angolo e Moreno allo scadere dei 24” rilanciano una Tramec che non vuole mollare nonostante la difesa degli ospiti sia cresciuta, 51-45 Cento al 27’. Un paio di palle perse di troppo e Verona impatta ancora sfruttando l’esperienza di Rosselli, 51-51 al 30’. Senza Barnes in panca causa falli, striscia di Tomassini e palla rubata da Berti, 58-53 al 34’. Poi 66-61 con 120” da giocare ma Anderson la riapre con precisione dalla lunetta.

Il finale thrilling

Tutti da gustare gli ultimi 30”. Un ingenuo fallo in attacco di James regala a Rosselli i liberi per il sorpasso. Ne segna solo uno, è 69-69. Tomassini prende fallo e con 4” da giocare segna i liberi. Tutto il talento di Anderson immarcabile sulla sirena ed è overtime. Equilibrio, fino all’ultimo. James potrebbe chiuderla, come Tomassini, ma i liberi non sono amici e il solito Anderson pareggia ancora dalla lunetta. Mancano sei secondi. Quelli della fuga di Moreno verso la vittoria.

Simone Gagliardi

© RIPRODUZIONE RISERVATA