Il circo bianco pronto a ripartire Prima tappa sabato a Soelden

soelden. Sabato gigante donne e domenica gigante uomini: parte come sempre dalla austriaca Soelden nel prossimo weekend la stagione 2021- 22 di Coppa del mondo di sci che avrà al centro, in febbraio e Covid permettendo, le Olimpiadi invernali di Pechino.

L’Italia ospiterà anche in questa edizione una serie d’importanti gare in ben sette diverse località. Si apre con gli uomini a dicembre: Val Gardena con discese e superG il 17 e 18, Alta Badia con due slalom gigante il 19 ed il 20, Madonna di Campiglio il 22 con lo slalom speciale e poi Bormio con discesa e superG di fine anno nei giorni 28 e 29. Le gare donne in Italia saranno invece in gennaio: a Cortina con discesa e superG il 22 e il 23 seguite dallo slalom gigante di Plan de Corones, in Alto Adige, il 25.


La passata stagione, nel pieno della pandemia, ha consentito, anche senza pubblico, tutto sommato un regolare svolgimento della lunga competizione a tappe. Il pubblico nella prossima stagione non dovrebbe esserci alle Olimpiadi mentre in molte altre località sarà comunque limitato. A Soelden, ad esempio, ci saranno al massimo 5mila spettatori per gara.

Dal punto di vista tecnico le gare di Soelden saranno soprattutto un primo test. Per l’Italia la tappa ha però un significato importante e bene augurante particolarmente in campo femminile. L’anno scorso vinse infatti la piemontese Marta Bassino che cominciò proprio sulle nevi del ghiacciaio tirolese la sua lunga cavalcata che la portò a vincere la Coppa del mondo di gigante e l’oro mondiale nel gigante parallelo. Con lei ci sono poi atlete di assoluto valore come Federica Brignone e Sofia Goggia.

Ma proprio alla vigilia dell’apertura della stagione per le ragazze azzurre è arrivata la brutta notizia dell’infortunio alla giovane trentina Laura Pirovano. È caduta in allenamento proprio a Soelden riportando la rottura del crociato del ginocchio sinistro: stagione finita prima ancora di cominciare.

In campo maschile le cose sono più complicate. La squadra è guidata ancora dal veterano Manfred Moelgg – 40 anni a giugno – ma a Soelden ci sarà l’esordio in gigante del giovane talento Alex Vinatzer che sinora era stato impegnato solo in speciale. Il trentino Luca De Aliprandini – il miglior gigantista azzurro – è invece sempre a caccia del suo primo podio in coppa dopo essere comunque riuscito a vincere l’argento iridato a Cortina.