Cus Ferrara avanti Nel girone promozione affronterà Faenza

Il successo su Guastalla dà fiducia. Il 5 dicembre la disputa  dei quarti di finale della fase ad eliminazione diretta.

ferrara. Battendo Guastalla per 62 a 0 nel primo turno della fase ad eliminazione diretta, il Cus Ferrara rugby si è di fatto conquistato l’accesso al girone promozione cui - numeri alla mano - dovrebbero accedere 8 o 9 formazioni della Emilia Romagna in virtù della percentuale di formazioni iscritte alla serie C sul numero totale delle squadre in Italia.

il quadro


Gli arrotondamenti eventuali saranno stabiliti dagli uffici federali competenti. I risultati del primo turno hanno infatti ridotto a 8 le contendenti che il 5 dicembre si affronteranno nei quarti.

Se vogliamo, tutti risultati da pronostico eccezion fatta per la vittoria del Noceto (quarto del suo girone) in casa del Forlì vincitore del girone romagnolo. Ferrara se la vedrà con Faenza (allenata dalla coppia pievese Venturi-Piccinini) che ha battuto sul filo di lana Colorno, formazione pericolosa perché in grado di dirottare in C alla bisogna elementi del Top Ten (vedi il mediano Boscolo).

Questi gli accoppiamenti: Parma 1931-Bologna, Pieve-Noceto, Cus Ferrara-Faenza e Amatori Parma-Lyons Piacenza.

la formula

Buttando un occhio alle carte federali, le squadre qualificate formeranno come detto 12 gironi Promozione da 8 squadre con criterio di vicinorietà. Ogni girone sarà suddiviso in due Conference da 4 squadre ciascuna. La formula adottata sarà con gare di andata e ritorno tra le squadre della stessa conference e gare di sola andata con le squadre dell’altra conference. Al termine delle dieci giornate (tra il 30 gennaio e 15 maggio 2022) si determinerà una classifica unica dal 1º all’8º posto. La prima classificata di ogni girone Promozione accederà alla finale che vale la promozione in B.

le cadette

Le carte federali ricordano anche che le squadre cadette di società la cui prima squadra milita in serie B non potranno accedere alle finali promozione. Come dire Parma 1931, Modena, Bologna 1928.

Dario Cavaliere

© RIPRODUZIONE RISERVATA