Pink Floyd latin project: il sogno è salire sul palco con Gilmour a Firenze

Continua il progetto “Occulta lunae pars” ideato da Nicola di Cristoforo: in settembre live a Modena e Copparo

Vi ricordate l’incredibile progetto Occulta Lunae pars, letteralmente la traduzione latina dello storico album dei Pink Floyd, The dark side of the Moon? Ebbene, il sogno diventato realtà dell’editore ferrarese Nicola di Cristoforo prosegue con ulteriori novità, alcune anche di rilievo.

Ricordiamo, che questa idea fu tra le poche approvate dai componenti della mitica band inglese (l’ultimo a firmare l’autorizzazione a di Cristoforo fu Roger Waters) fra le tante ricevute per celebrare il 40º anniversario della pubblicazione del disco, uno dei più venduti di sempre.

Con grande insistenza e costanza l’editore ferrarese è riuscito a realizzare l’intero disco supportato da ottimi musicisti, un’insegnante di latino per la traduzione dei testi e una casa di produzione regalò poi un bellissimo video per Time.

«In questo periodo diciamo di silenzio - racconta di Cristoforo - il gruppo che ora si chiama “Pink Floyd latin project” è entrato in sala di registrazione e ha prodotto il singolo Pecunia (Money) che si trova in allegato alla nuova Agendae Res 2016 (sarà presentata il 9 ottobre), il cui argomento quest’anno è un excursus sulla corruzione nella antica Roma, nulla di più attuale».

Poi sono previste alcune uscite per la band che presenta il disco. Ad esempio, a Modena dal 9 al 13 settembre c’è la festa celtina Mutina Boica e proprio la sera conclusiva ci sarà il concerto Occulta Lunae pars, Inoltre, già in calendario un’altra esibizione a Copparo, in programma il 26 settembre.

«La band si è ampliata da 4 a 7 elementi e un corpo di ballo di 6 ragazze, il gruppo di Danze Antiche di Villadose che hanno coreografato i brani non cantati dell’album. Inoltre, stiamo facendo la traduzione in greco antico, grazie a due professori, uno di Berlino e uno de L’Aquila. Infine, stiamo lavorando per una data in ottobre alla Fabbrica del Vapore di Milano e, soprattutto, siamo in contatto per una passerella durante l’atteso live di David Gilmour (voce e chitarrista dei Pink Floyd, ndr) a Firenze».

©RIPRODUZIONE RISERVATA