Quattro anniversari: dal mitico Piazzolla fino ad Aisemberg

Feste anche per i 30 anni del gruppo Novitango e il secolo di vita della "Cumparsita"

FERRARA. Quattro importanti anniversari andranno in scena al Ridotto del Teatro a Ferrara oggi, martedì 10 gennaio alle 20.30: i cinquanta anni dalla prima esecuzione “classica” di un brano di Astor Piazzolla. Il venticinquesimo della morte del musicista argentino, riformatore del tango, scomparso nel 1992. E poi ancora i trent’anni del gruppo strumentale Novitango ed i cento anni della Cumparsita di Matos Rodriguez, uno dei tanghi classici più celebri al mondo.

Saranno tutti congiuntamente celebrati nel concerto che il maestro argentino Hugo Aisemberg terrà oggi, 10 gennaio, alle 20.30 al Teatro Comunale Abbado. Nato a Buenos Aires in una famiglia di origine ebraica arrivata in Argentina dalla Russia, Hugo Aisemberg oltre cinquant’anni fa suona nel 1966 per la prima volta nella storia brani di Astor Piazzolla, sino allora ritenuto non meritevole di contesti accademici, in un concerto di musica classica. Nel 1971 Aisemberg sceglie definitivamente l’Italia. Nel nostro paese, oltre a intraprendere una importante attività concertistica sia come solista che componente di formazioni da camera, insegna per trent’anni al Conservatorio Rossini di Pesaro.

Poi sette anni fa l’arrivo a Ferrara - dove aveva già suonato con Novitango ad apertura del nuovo millennio il 31 dicembre 1999. La decisione di vivere nella città estense è stata accompagnata da grande impegno artistico e culturale attraverso l'intensa attività di diffusione della cultura argentina. Autentico ambasciatore della cultura italiana all'estero, l’ensemble Novitango ha suonato nei principali templi della musica classica europea. A Ferrara si è esibito al Teatro Comunale e al Jazz Club.

Oltre alla formazione classica dei Novitango, che ricordiamo è composta dal fondatore al pianoforte, Francesco Manna (flauto), Juan Lucas Aisemberg (viola) e Jean Gambini (contrabbasso), saranno ospiti del concerto anche Aloisa Aisemberg al violino e il violoncellista Roberto Cima.

Nel programma del concerto-anniversario, Hugo Aisemberg e il suo gruppo strumentale eseguiranno brani di Juan Carlos Cobiàn (“La casita de mis viejos”), Sebastian Piana (“Milonga triste”) e Osvaldo Pugliese, oltre alla celebrata “Cumparsita “di Matos Rodrigues. La parte più cospicua della serata sarà come sempre dedicata ad Astor Piazzolla, moderno reinventore del Tango argentino, con brani realizzati in molteplici versioni strumentali. Il concerto è stato organizzato in collaborazione con il “Gruppo dei 10” e l’ Avis Provinciale di Ferrara cui andrà parte di ricavato della serata per poi essere devoluto in beneficenza. Biglietti da 10 e 20 euro, in vendita dalle 15.30 a inizio concerto presso la biglietteria del Teatro.