La Farmacia Navarra ritorna all’antico splendore

La ricostruzione della storica Farmacia Navarra nel refettorio del Chiostro

Al refettorio del Chiostro di Santa Maria delle Grazie restaurati e conservati gli ambienti del passato

FERRARA. Alcuni arredi settecenteschi, appartenuti fino a quarant’anni fa alla storica Farmacia Navarra-Bragliani di Corso Martiri della Libertà, sono oggi conservati in uno degli ambienti dell’antico refettorio del Chiostro di Santa Maria delle Grazie, in via Fossato di Mortara. Un piccolo gioiello restaurato e conservato, come testimonianza di parte della storia della nostra città e della scienza farmaceutica italiana.

La storica farmacia Navarra rivive al Chiostro di Santa Maria delle Grazie

Un buon motivo per visitarla è arrivato grazie alla disponibilità della professoressa Chiara Beatrice Vicentini, responsabile scientifica, nonché titolare del corso di storia della farmacia e del farmaco a Unife, da lei stessa istituito cinque anni fa, tuttora l’unico corso vero e proprio di questo tipo su tutto il territorio nazionale.

La professoressa Chiara Beatrice Vicentini

Insieme alla Vicentini, per contestualizzare e inquadrare storicamente il tutto, era presente anche l’ex farmacista (con attività in viale Po) e oggi docente alla Facoltà di farmacia a Unife, Giorgio Forlani.

«Abbiamo cercato il più possibile di ricreare l’ambiente dell’antica farmacia - ci spiega la Vicentini -, ponendo negli ampi mobili un corredo, completato nel 2011, con vasi provenienti dalla collezione dello stesso Forlani e di altri farmacisti ferraresi, tra cui il presidente dell’Ordine dei farmacisti ferraresi, Livio Luciani».

L'ex farmacista e pggi docente alla Facoltà di Farmacia di Unife, Giorgio Forlani

In una parete della stanza sono anche appese alcune riproduzioni di manifesti dell’Ottocento della Farmacia Navarra, i cui originali sono conservati nell’Archivio storico cittadino.

Un’epoca d’oro, quella protrattasi fino alla prima metà del secolo scorso, nella quale le farmacie non si limitavano come oggi a vendere farmaci, e a fornire pochi altri servizi, bensì ospitavano ambulatori medico-chirurgici, laboratori chimico-farmaceutici, gabinetti per le analisi, insomma, erano punti di riferimento per incontri culturali.

«Secondo alcuni esperti - prosegue Forlani -, gli arredi qui presenti per la precisione potrebbero essere datati a fine Settecento, quindi circa mezzo secolo dall’apertura della farmacia in Corso Martiri. In ogni caso, è certo che di arredi di farmacie del Settecento, ottimamente conservati cone questo, in Italia ne sono rimasti pochi».

Nella Farmacia Navarra in Corso Martiri della Libertà 27, oggi, è ancora visibile il bellissimo soffitto affrescato, il campanello notturno d’epoca (oggi, naturalmente, non più utilizzato), e la storica insegna sovrastante l’entrata.

Nella sala nel Chiostro in via Fossato di Mortara, oltre al mobilio e ai corredi, sono anche conservati numerosi strumenti appartenenti alla “Collezione instrumentaria” dell’Istituto di chimica farmaceutica e alla Collezione Mario Guarneri, insigne docente che nella seconda metà dello scorso secolo diede grande impulso alla chimica farmaceutica ferrarese.

La ricerca e l’installazione, sempre a cura della professoressa Vicentini, ha permesso di ordinare strumenti scientifici di valore che vanno da inizio Novecento, fino agli anni ’60-’70 del secolo scorso. La collezione comprende pezzi legati alla ricerca ed alla didattica, analisi quali-quantitativa, tecnica farmaceutica. Fra i “più datati” vi sono una caldaietta, un bagnomaria, sistemi di filtrazioni a caldo (camicie in rame), una bilancia della prima metà del Novecento, una coppia di becchi Bunsen, cannelli ferruminatori, apparecchio di Kipp, mulino a palle, stampi per supposte e ovuli, pilloliere, oltre a vari tipi di pinze, ancora alcune specialità farmaceutiche, vasi contenenti, ad esempio, olio di ricino e olio di paraffina, essicatori, mortai in porcellana, un Pallone di Claisen, alcune bilance, una stufa in rame.

Sul bancone principale sono presenti anche quattro riproduzioni di alcune ceramiche graffitarie ferraresi del XVI e XVII secolo.

La Farmacia Navarra-Bragliani fa parte dello Sma (Sistema museale di Ateneo), ed è aperta a studiosi e scolaresche previo appuntamento, inviando una richiesta via mail al seguente indirizzo: farmacianavarra@unife.it.

Andrea Musacci

©RIPRODUZIONE RISERVATA