Mostre a Palazzo della Racchetta Dagli eroi Marvel ad Antonioni 

Da Hollywood a Ferrara passando per l’immaginazione, la creatività e la voglia di sognare. Questo il punto di forza del Ferrara Film Festival, che per questa edizione propone una serie di eventi,...

Da Hollywood a Ferrara passando per l’immaginazione, la creatività e la voglia di sognare. Questo il punto di forza del Ferrara Film Festival, che per questa edizione propone una serie di eventi, mostre e incontri prestigiosi durante tutto il periodo della manifestazione.
Martedì è prevista anche l’inaugurazione delle mostre a palazzo della Racchetta. Si tratta di #SuperHumans, curata da Simone Scopa, grande collezionista e appassionato di cinema ferrarese, impegnato attivamente nel mondo nel fandom (comunità di appassionati) italiano. #Superhumans sarà allestita con un’esposizione di reali protesi acustiche Starkey, multinazionale americana leader in questo settore, contrapposte a quelle cinematografiche di Iron Man, impiegate nell’immaginario da Tony Stark dapprima per salvarsi la vita, sino alla genesi del suo alter-ego super eroe.
Sempre alla Racchetta la mostra esclusiva Note di margine. Di e su Michelangelo Antonioni, curata da Elisabetta Antonioni. «La mostra presenta alcune opere pittoriche inedite del giovane Antonioni – racconta la nipote dell’eclettico artista - e altre successive, che testimoniano l’evoluzione artistica del regista/pittore. Allestiremo anche alcune foto-buste, locandine e manifesti dei film di Michelangelo Antonioni e arricchiranno la mostra alcune opere di artisti italiani e stranieri, che con la loro arte hanno voluto rendere omaggio al maestro».
E per concludere intensa monografica su Lyda Borelli curata dal nipote Giovanni Alliata, che festeggerà il 26 marzo l’anniversario della nascita della prima diva italiana del film muto. La Borelli, di origini liguri, fu moglie del ferrarese Vittorio Cini, grande imprenditore, mecenate e collezionista, trasferitosi poi a Venezia.
Tutte le mostre saranno inaugurate martedì alle 21.30 dopo le prime proiezioni.
Non solo mostre, Palazzo della Racchetta è fulcro degli incontri organizzati dallo staff del Ferrara Film Festival e aperti a tutto il largo pubblico. Si partirà mercoledì alle 21.30 con il faccia a faccia con la produttrice del film Trafficked, chiusura domenica 26 con gli interventi di Nicola Masiero e di Sara Giada Gerini, madrina di questa edizione del festival.