Al centro commerciale l’esperienza di essere in gabbia con uno squalo

Da oggi la mostra a "Il Castello" inserita nelle due piazze principali, nella galleria e nell’anello interno

FERRARA. Ferrara e gli squali, un rapporto particolare, nato tanti anni fa con Folco Quilici, proseguito con il Premio Oscar Carlo Rambaldi e portato avanti ormai da decenni da Riccardo Sturla Avogadri, l’amico degli squali per antonomasia. Reduce dai successi all’Eudi Show, la fiera dedicata alla subacquea in cui oltre a presentare la sua gabbia antisqualo (per vivere un’esperienza virtuale nella magia del 6D), ha vinto due premi a livello europeo con altrettanti video da lui realizzati nelle esperienze a stretto contatto con gli squali, portando con sé dei bambini. Ebbene, Sturla Avogadri (con il patrocinio del Comune di Ferrara), questa mattina apre al Centro commerciale “Il Castello” in via Wagner una mostra intitolata semplicemente “Squali”, inserita nelle due piazze principali, nella galleria e nell’anello interno. Si va da pannello di dimensioni 100x140 con locandine, immagini e altro dedicate agli squali, al “thriller cage”, ossia la gabbia per le immersioni in cui vivere l’incontro ravvicinato con lo squalo bianco.

«Ma è curioso questo legame con Ferrara - racconta Sturla Avogadri -, perché ci sarà un’area riservata a Folco Quilici e alle cinque sue opere cinematografiche dedicate al mare e agli squali. Ci si potrà fare selfie con lo squalo creato da Rambaldi e al mio fianco nell’organizzazione c’è la Network Propaganda, altra società ferrarese. Così come sono ferraresi le aziende che hanno realizzato i pannelli, gli squali in metallo e anche le foto sott’acqua che mi riguardano, scattate dal campione italiano Marco Bolllettinari, ferrarese». La mostra sarà visitabile tutti i giorni negli orari di apertura del centro commerciale. Domani e mercoledì mattina e giovedì pomeriggio tutte le scuole elementari cittadine parteciperanno al corso di specialità “Shark espert” con tanto di diploma, mentre la gabbia sarà presente solo il sabato e la domenica senza prenotazioni. Fra gli oggetti esposti anche denti e mascelle originali di squalo (necessaria la denuncia alle forze dell’ordine) e tre squali (volpe, mako e tigre) in grandezza naturale realizzati in resina. Per ulteriori informazioni visitare il sito www.sharkacademy.com(d.b.)