Arte, prosa e poesia Un ponte per i giovani tra Ferrara e l’Assia

Aperta una mostra di disegni sulla città di studenti tedeschi A cura del Comune anche un’antologia letteraria bilingue

La mostra “Con gli occhi dei tedeschi / Mit dem Blick der Deutsche”, che presenta alcuni disegni della nostra città realizzate dagli studenti universitari del Politecnico di Darmstad (in Assia, Germania) è stata inaugurata ieri nel salone d’onore in Municipio, dove resterà esposta fino a venerdì 12 aprile. Presentata anche l’antologia bilingue “Le mie parole con le tue/ Meine Worte mit Deinen”, realizzata da studenti dei licei Ariosto e Roiti e del liceo AKG di Bensheim in Assia (presenti ieri) per il progetto “Erasmus + My words with yours”. I due lavori rappresentano il risultato di un impegno tanto importante, quando soddisfacente.

il ponte


Il primo a sottolinearne il valore è l’assessore alla cultura Massimo Maisto, il quale ha presentato il lavoro, nato da un concreto rapporto fra l’amministrazione ed il mondo della scuola. «Frutto di un gemellaggio fra le due realtà, ferrarese e tedesca, sostenuto dalla Regione – ha ricordato –, con scambio di ospitalità fra i nostri ragazzi e quelli tedeschi. Il tutto ha portato alla realizzazione del progetto sostenuto dalla casa editrice digitale Comunebook nata fra il liceo Roiti e l’assessorato. È infatti stata pubblicata una raccolta di testi di prosa e di liriche scaricabile gratuitamente dal sito www. comunebookferrara.it; ha visto la partecipazione anche di scrittori ferraresi e tedeschi già affermati, oltre agli elaborati dei ragazzi».

il lavoro

Oltre che per i suoi testi, l’antologia riveste un particolare interesse per le traduzioni e la cura editoriale interamente realizzata dagli studenti delle scuole coinvolte, che ieri hanno raccontato la loro «entusiasmante esperienza», affrontata con grande impegno sia da parte loro che dei docenti (Waldermar Borsutzky e la tutor Heike Gabriel del Politecnico), ma che tutti sono pronti a ripetere.

Tra le firme “grandi” figurano Monica Pavani, Martino Gozzi, Luigi Dal Cin, Matteo Bianchi, Christian Foersch, Matthias Goritz, Britta Boerdner, Norbert Zahringer e Jan Decker. —

Margherita Goberti