Palazzo della Rosa, da “bon casoto” a dimora con i dipinti del Dosso. Fu costruito da Alfonso per Laura

Dianti, la “criptoduchessa” riservata e discreta che creò tra quelle mura la sua piccola corte