Fantoni in diretta per la Nuova: «La noia si combatte dal divano»

Oggi alle 18 il comico interverrà sulla pagina Facebook del quotidiano. L’attore ferrarese fra risate e hi-tech: stiamo in compagnia... ma a distanza

Gianni Fantoni torna on air e lo fa direttamente dalla pagina Facebook de la Nuova Ferrara. Oggi alle 18 il comico ferrarese presenterà la “puntata zero” di Dottor Divano, trasmissione in diretta web che riprenderà giovedì 19 marzo alle 21. L’attore, da sempre diviso tra comicità e tecnologia, ha fatto delle sue due passioni altrettanti mestieri che, prima, viaggiavano in parallelo e oggi, invece, si sono uniti grazie alla rete. Dopo uno stop dettato dai suoi impegni teatrali, ultima in ordine di tempo la tournée di Full monty sempre sold out, Fantoni è pronto a tornare in diretta dal salotto di casa.

LA TRASMISSIONE


Come detto, il live in streaming di oggi sulla pagina della Nuova sarà un “assaggio” della nuova serie di Dottor Divano, trasmissione che dalle sue origini si è affinata e perfezionata raggiungendo quota ottantacinque episodi. «L’idea di questo format è nata da un insieme di cose: la mia pigrizia, la mia passione per le cose nuove e per la tecnologia. Messi insieme questi fattori - racconta Fantoni - ho costruito Dottor Divano, anche se veramente io sto seduto in poltrona». Intrattenimento, pensieri, ospiti, riflessioni, dialoghi, confronti e, naturalmente, risate. Nel corso della trasmissione si sono alternati vari personaggi, dal Mago Forest a Red Ronnie, da Duilio Pizzocchi a Neri Marcorè, Pino Insegno, Enzo Iacchetti e David Riondino.

«Il divano in questo caso - spiega - più che un oggetto, è un concetto; è un po’ come quello che si trova quando si va dallo psicanalista: vai, ti stendi, ti rilassi e racconti». Tra gli obiettivi della trasmissione in diretta web, c’è anche la ricerca di un prodotto più umano, senza interruzioni, cambi continui e battibecchi. «I contenuti sono importanti, non basta schiacciare il pulsante della diretta. Bisogna saper parlare alla gente e, soprattutto, avere qualcosa da dire. Per un comico è ancora più difficile perché - spiega - devi tenere l’attenzione anche a distanza: è come essere dal vivo senza esserlo. Per me è anche una sorta di allenamento; mi piace, mi trovo bene».

HI-TECH CHE PASSIONE

L’amore per i computer - ricambiato, come lui dice - è scattato in età adolescenziale. «Quando avevo 15 anni al Barco vidi il mio primo Commodore e me ne innamorai tanto che poi quattro anni dopo, misi in piedi insieme ad alcuni amici una società informatica che poi lasciai per dedicarmi a tempo pieno alla comicità». L’interesse per i computer e tutto ciò che gli ruota attorno, però, lo ha sempre accompagnato e da qualche anno, con l’avvento della rete, può dare libero sfogo a esperimenti e idee.

#IORESTOACASA

Non solo un hashtag ma un vero e proprio monito che negli ultimi giorni sta rimbalzando ovunque. «Restare a casa non è per forza una tortura, anzi, può essere un momento prezioso per leggere, scrivere, seguire seminari e lezioni online, guardare film... Di questi tempi la noia si può aggirare in tanti modi. È importante imparare a farlo sempre e - sottolinea il comico - oggi più che mai». —


 

La guida allo shopping del Gruppo Gedi