Riaperture, la fotografia tocca luoghi nascosti