“Ferrara la città del cinema” Primo passo nelle scuole al Copernico-Carpeggiani

ll progetto “Ferrara la città del cinema” entra nelle scuole con incontri dedicati all’arte cinematografica tenuti dall’assessore Marco Gulinelli, dall’imprenditore creativo – e presidente del progetto – Stefano Muroni, e da Andrea Forlani, regista. Ad avviare il confronto tra i banchi è stato l’Iti Copernico-Carpeggiani, con il docente Domenico Allocca.

Il confronto è partito nei giorni scorsi con Muroni, che ha raccontato l’ascesa delle scuole cinematografiche ferraresi (la scuola d’arte cinematografica Florestano Vancini è passata dai 33 selezionati di due anni fa ai 150 di quest’anno, che salgono a 230 col Centro preformazione attoriale) e la sua esperienza imprenditoriale e ha fornito alcuni consigli agli studenti su come diventare «imprenditori della creatività e artigiani dell’immaginazione. Un obiettivo possibile: in Italia un milione di persone opera nel mondo della cultura e della creatività. Grandi ferraresi come Carlo Rambaldi, Michelangelo Antonioni, Florestano Vancini hanno iniziato cercando finanziamenti per le loro opere e così si sono fatti conoscere e apprezzare dal mondo».


Una trentina gli studenti coinvolti negli incontri: non solo spettatori, ma protagonisti al centro delle richieste dei relatori. Non è mancata appunto una panoramica sul cinema ferrarese, da Michelangelo Antonioni a Florestano Vancini, a cui la scuola d’arte cinematografica di Ferrara è dedicata. Il regista Andrea Forlani ha proiettato il trailer della mostra dedicata a Banksy. Forlani ha mostrato ai ragazzi anche “Rolls Royce”, accolto con un grande applauso, il video ispirato alla celebre poesia di Bassani, ambientata nella sua Ferrara, e recentemente proiettato all’istituto italiano di cultura di Parigi in una giornata dedicata all’autore.

© RIPRODUZIONE RISERVATA