“Pippo” torna on air, grazie a un programma su Radio Rai 3

Ieri la prima puntata durante il programma Tre Soldi Prossimi appuntamenti domani e venerdì alle 19.50 Il legame con Copparo

Pippo, ormai lo sappiamo tutti, è il nome dell’aereo della Raf ritrovato nel copparese dagli Archeologi dell’aria, che ora gestiscono il Museo La Tratta di via Goito (a Copparo), dove vi sono molti di questi oggetti ritrovati.

Ebbene, “Le storie di Pippo – voci dai bombardamenti aerei della Seconda Guerra Mondiale” è il titolo del nuovo documentario radio di Luca Bozzoli, Federico Gesualdi e Nicola Nardi che da ieri viene trasmesso da Radio Rai 3. È stato il primo di tre episodi da 15 minuti, trasmessi, gli altri due sono in programma domani e venerdì 26 nell’ambito del programma “Tre Soldi” (in onda alle 19.50). Nasce da una ricerca storica nell’ambito della quale sono stati intervistati 45 testimoni diretti dei bombardamenti aerei che hanno interessato il Nord Italia negli ultimi anni della Seconda guerra mondiale.


La vicenda di Pippo resta emblematica di quei tremendi anni nel Nord Italia. L’aereo entra nelle vite degli uomini del XX secolo che guardano ammirati un prodigio tecnologico. Quell’aereo porta bombe, fuoco e distruzione. Lontano dai fronti, dagli eroi celebrati dalla propaganda fascista. Lo porta tra donne, anziani e bambini. Tra le vite comuni di chi dall’inizio della guerra ha vissuto in luoghi abbandonati e sospesi, lavorando sodo e rimanendo in attesa di notizie dal fronte. Il rombo dei motori dei bombardieri inaugura una notte lunghissima, obbliga a nascondersi, a spegnere le luci per non essere visti.

Ma la guerra aerea non è solo distruzione, è anche vita nuova. È paura e stupore, spettacolo di luce, fascinazione per la liberazione di energie mai conosciute prima. E resistenza: la vita continua nella notte, l’aereo viene soprannominato “Pippo”, entra nel quotidiano: è un gioco per i bambini che trovano rifugio durante gli attacchi, è fonte di materia prima per la costruzione di utensili.

Le bombe e gli oggetti che cadono dagli aerei vengono riutilizzati e diventano candelabri, giocattoli, vestiti. Qual è il ruolo dell’aereo nella guerra? La tecnologia è un elemento che attraversa le nostre vite e ci permette di confrontarci con la nostra natura. Pippo è una figura sinistra e mitologica, un capro espiatorio. Viene identificato da alcuni con l’esercito tedesco e da altri, correttamente, con le truppe aeree alleate. Le storie di Pippo non è il racconto della guerra ma del suo riflesso negli sguardi degli esseri umani, non è una storia passata ma presente. Nella seconda puntata la guerra delle corrispondenze, della radio e dei cinegiornali è arrivata dappertutto. Anche negli occhi stupiti di uomini e donne che vedono per la prima volta un aereo, che raccolgono relitti bellici e gli danno una nuova vita. Nella terza Il rombo dell’aereo svanisce con la luce del giorno, chi resta si guarda in faccia dopo la lunga notte. Dov’è andato Pippo? Qual è il nostro rapporto con la guerra e con la tecnologia?

© RIPRODUZIONE RISERVATA