Riscoprire la Q di Qomplotto di Wu Ming 1 Baravelli e il vero volto di Balbo: «Tenne inalterato il potere in provincia»

Per i ferraresi affetti da assopimento sarebbe salutare uno dei titoli più dissidenti dell’ultimo decennio, La Q di qomplotto (Alegre). Il nostrano Roberto Bui, in arte Wu Ming 1, comincia dall’analisi del fenomeno di QAnon, estesosi oramai a livello mondiale, chiarendo come si manifesta la sindrome del complotto e come il complottismo rafforza il sistema. L’autore non trascura il funzionamento dei nuovi media, la viralità di certe teorie, e il modo in cui il potere esercita pressioni sugli individui.

BALBO


Seppure Vittorio Sgarbi perseveri ancora nell’intento di dedicare una mostra a Italo Balbo per motivi meramente personali e di piazzamento partitico, mettendosi così a disposizione tanto dell’alcova berlusconiana quanto della destra meloniana, il consiglio ai lettori è di approfondire il saggio curato da Andrea Baravelli,Il fascismo in persona: Italo Balbo, la storia e il mito (Mimesis), per istruirsi in un’ottica puramente storiografica. Tramite Balbo si può comprendere il funzionamento concreto del Fascismo durante il ventennio: Mussolini era il leader riconosciuto del movimento, il volto, ma non era il prototipo dello squadrista prima e quello del gerarca dopo.

«Andrebbe sfrondato dall’eccesso di strumentalizzazione civica e messo in rapporto agli avvenimenti – spiega Baravelli –; Balbo, ad esempio, era uno dei pochissimi ras della prima ora, il quale mantenne inalterato il proprio potere in provincia fino alla fine. Fu una sorta di feudatario del suo territorio di irradiamento, ma come riuscì a rimanere sempre in sella? Era consapevole che gli agrari in loco fossero una potenza e mai tentò di irreggimentarli, però si comportò da mediano tra loro e la Capitale. Era in grado di gestire Ferrara da lontano, non soltanto con un rapporto tra patrono e cliente, ma con amicizie vere e una concezione collaborativa quasi militare, così con Renzo Ravenna e Nello Quilici».

PAZZI

E fra le novità editoriali, anzi, fra i libri in fase di ripubblicazione, sempre dalla casa editrice La Nave di Teseo di Elisabetta Sgarbi da pochi giorni è stata annunciata la ristampa del romanzo Hotel Padreterno (2021), del nostro concittadino Roberto Pazzi.



© RIPRODUZIONE RISERVATA