Eurotarget, dalle auto a Sanremo Interviste agli artisti e contenuti social

Il coordinatore Livreri e il giornalista musicale Fisico racconteranno il grande evento giorno per giorno 

È sì un’azienda, ma con una forte anima musicale (o per lo spettacolo a 360º), come già dimostrato da alcuni progetti portati avanti in particolare nei due anni caratterizzati dalla pandemia. Ma stavolta Eurotarget (grosso punto vendita multimarche dall’anima centese con sede a Pieve) ha deciso di puntare più in alto, partecipando al Festival di Sanremo con un ruolo da protagonista. Perché Eurotarget a Sanremo non è una novità, infatti alla manifestazione canora aveva già partecipato, accompagnando due cantanti in gara. Per questa edizione, invece, sarà accompagnato il noto giornalista Stefano Fisico, ex direttore artistico di Billboard e attualmente alla rivista specializzata Wootune, impegnato a intervistare gli artisti in gara. E così, grazie all’idea di Eurotarget, si riuscirà ad allestire un set su di un van «e saremo gli unici ad avere “fisicamente” gli artisti, i quali verranno intervistati da Stefano Fisico», ci spiega Alessandro Livreri, coordinatore strategico dell’azienda.

COME FUNZIONA


«Il “fisicamente” è virgolettato ovviamente - prosegue -, in quanto abbiamo studiato un sistema per cui sembrerà che gli artisti sono lì, ma le interviste avverranno da remoto come da protocolli Rai per il Festival di Sanremo».

Sarà anche un format raccontato da un canale Youtube. «Saranno sei episodi, che andranno in onda ogni giorno, nei quali verrà raccontato cosa è successo allo staff di Eurotarget nel corso della giornata. Invece su Instagram proporremo cinque interviste ad artisti in gara sul van di Eurotarget, effettuate da me e Stefano Fisico. Infine, su Facebook verranno effettuate due dirette per raccontare il clima vicino al teatro Ariston. Il format di Eurotarget verrà poi ri-condiviso anche da Wootune, importante magazine musicale».

Le riprese verranno effettuate da Creativite, azienda che ha prodotto video musicali per la Universal e lavora attivamente per il Teatro Comunale di Ferrara.

#Senzafreni

Con questo nome è stato indicato il social-art show che aveva l’obiettivo di sostenere il settore musicale, un’idea portata avanti dal progetto MultiArt di Eurotarget e rivolta agli artisti e operatori del settore musicale. Ogni mese nel corso della pandemia sono stati chiamati dj e vocalist di fama internazionale, che all’interno di quella poi diventata la nuova sede di Eurotarget hanno mixato musica in streaming e risposto a domande. Senza dimenticare “Just people!”, altra idea di Livreri allo scopo di far vivere un momento di gioia e spensieratezza ai ragazzi della zona, creando contenuti video per le piattaforme social.

© RIPRODUZIONE RISERVATA